Between Deleuze and Foucault: il sito con le trascrizioni e le registrazioni dei corsi di Deleuze su Foucault

Originally posted on bibliofilosofiamilano:

kagan

Between Deleuze and Foucault è il sito del progetto di collaborazione tra la Purdue University e l’Université de Paris VIII–Vincennes à St. Denis che ha la finalità di trascrivere e rendere disponibili sul web i testi dei corsi che tenne Gilles Deleuze sul pensiero e l’opera di Michel Foucault presso l’Università di Parigi nel 1985 e nel 1986.

“Deleuze and Foucault were two of the towering figures of French intellectual life in the latter part of the twentieth-century. Foucault (1926-1984) held a chair in the History of Systems of Thought at the prestigious Collège de France, and remains one of the most-cited authors in the humanistic disciplines. Deleuze (1925-1995), who taught at the University of Paris until his retirement in 1987, authored more than twenty-five books, and was one of the most important and influential European philosophers of the post-war period. While both Foucault and Deleuze were prolific authors, it…

View original 501 altre parole

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Recensione: Rivoluzione e internazionalismo. Trotsky e i trotskismi tra ortodossia marxista e prefigurazione del futuro

Originally posted on Sinistra Anticapitalista:

di Diego Giachetti (da Bandiera Rossa)

Michele Azzerri non appartiene a quella generazione di studiosi e militanti che, di fronte all’implosione dei paesi a socialismo reale e alla fine del “secolo breve” novecentesco, semplicemente si sono voltati dall’altra parte, invitando all’oblio e alla dimenticanza.
Non ha comprato un quaderno nuovo per scrivere una nuova storia, bella e pulita, non ha voluto buttare via i quaderni vecchi e neppure strappare dai manuali di storia i capitoli di un secolo.

Ha scelto una via più impegnativa, più onerosa e onesta, quella che ci costringe a fare i conti col passato, perché esso incombe su di noi, con le sue luci e le sue ombre e dal quale non si può prescindere per costruire il futuro. Se non vogliamo che la storia pesi come incubo, diceva Benedetto Croce, dobbiamo considerarla e farne storiografia. Inoltre, la sua ricerca non ha come scopo solo…

View original 490 altre parole

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Antonio Banfi. Saggi sul marxismo (1960)

Originally posted on Società Filosofica Italiana - Sezione di Sulmona "Giuseppe Capograssi":

Antonio Banfi (Vimercate , 30 settembre 1886 – Milano , 22 luglio 1957) Antonio Banfi (Vimercate , 30 settembre 1886 – Milano , 22 luglio 1957)

Saggi sul marxismo (PDF)

View original

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Legittima ribellione

Originally posted on Il Blog Di Giuseppe Aragno:

tessera-riconoscimentoIl circo mediatico ha inserito il diritto dei popoli alla resistenza nell’indice dei temi proibiti. Persino i social network alternativi vanno per la tangente e giocano fuori casa: Locke, la Dichiarazione d’Indipendenza degli USA, quella dei Diritti dell’Uomo e del Cittadino, la Costituzione francese del 1793. L’Italia non c’entra. L’Italia è il sogno dei padroni, il porto franco degli abusi di potere, la terra di nessuno in cui giocare a tiro a segno coi diritti per massacrare le classi subalterne. Ti fa gola il malloppo delle pensioni? Vuoi un fisco progressivo alla rovescia, così più hai meno paghi? Vuoi rubare quattrini alla povera gente per foraggiare le scuole private dei ricchi? Questo e altro puoi fare impunemente qui da noi. L’Italia è l’Eden dei delinquenti politici e male che vada, ci sono i servizi sociali. Qui l’abuso è protetto e se il popolo si rivolta, manganellate e carcere duro per…

View original 771 altre parole

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

E’ nata R.o.s.s.@

E’ nata R.o.s.s.@.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Mattarella, la schiena dritta e la sinistra radical chic

Originally posted on Il Blog Di Giuseppe Aragno:

mattarella-fosse-adeatine-510 (1)Questa riflessione risale al 5 febbraio di quest’anno, quando si cucinava il brodo di giuggiole per festeggiare San Mattarella. Uscì su “Agoravox”, che spesso dà voce al dissenso e “Fuoriregistro”, una rivista che per sua natura canta fuori del coro. Ai cuochi improvvisati diedi appuntamento a Filippi ed eccoci qua.
Dopo la firma lampo sotto la truffa elettorale, assieme ai silenzi imbarazzati, emergono spudorati urli di dolore e facciatosteche rivendicazioni, tipo “l’avevo detto, io!”. E invece no, non avevate detto un bel nulla, vi eravate defilati, chi per naturale vocazione a stare sul carro dei padroni, chi per idiozia congenita. Non era nemmeno mancato chi s’era perso in voli di autentica e disperante speranza, raccontando l’inverosimile storiella del Mattarella dalla “schiena dritta”, del servitore dello Stato e altre amenità di cui vergognarsi.
Sapete che vi dico? Andate a farvi fottere una volta e per sempre…

View original 965 altre parole

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

DESPERATE CAPITALISM.

Originally posted on pierluigi fagan | complessità:

th_1dd1d6fe940b0becc9a0299f6069644e_capitaismo_desiderioDiciamo subito che “Capitalismo, desiderio e servitù” di Frederic Lordon, (Derive ed Approdi 2015) ci ha interessato molto. Il capitalismo in sé ma sempre più nella più recente versione neoliberale, appare a Lordon come un macchinario del desiderio. L’essere umano è un animale desiderante sofisticato, nel senso che alle necessità e bisogni animali, aggiunge appunto la dimensione del desiderio, dimensione imprecisabile poiché animata da una instancabile meccanica della possibilità (poter desiderare questo e quello…) a fronte della quale, il desiderio esiste prima ed al netto del suo possibile oggetto (tesi già di Freud).  Non è quindi detto che tale pulsione fondamentale possa mai avere una soddisfazione, se non momentanea. Molte cose della nostra natura sono fatte per svolgere una funzione ma noi, che siamo il prodotto dell’interrelazione di queste funzioni, possiamo trovarci e spesso ci troviamo alle prese col problema di armonizzarle. Ridurre il loro molteplice ad uno e convivere…

View original 3.214 altre parole

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento