Land grabbing, una corsa alla conquista della terra

OggiScienza

Campi_Basso

SPECIALI – È  da lì che è iniziato il fenomeno: le prime navi partite alla conquista di nuove terre sono salpate dal porto di Genova. Ora, come se fossimo legati da un filo indissolubile alla nostra storia, i territori conquistati in modo indebito dall’Italia nei paesi più poveri  ammontano a una superficie pari alla regione Liguria. Se invece facciamo una stima imprecisa di tutti i territori che si sono accaparrati i paesi più ricchi, la superficie coperta supera quella della nostra penisola.
Quello che una volta si chiamava colonialismo, oggi viene definito con una parola inglese: land grabbing o resource grabbing, sono i termini usati per indicare l’appropriazione indebita di terre o risorse dell’Africa o dell’America Latina. Il possesso di queste terre diviene un accaparramento quando vengono violati i diritti umani, quando non si richiede il consenso delle comunità locali, se mancano contratti trasparenti e programmazioni o se non si…

View original post 1.182 altre parole

Annunci

Informazioni su stefanoulliana

I'm a teacher in philosophy, history and humanities in the italian public schools. My interests are: philosophy, history, politics, sciences, arts.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...